"Nell'arco di oltre un secolo e mezzo la Ferrovia ha disegnato il volto dell'Italia e l'identità del suo popolo, pur senza lasciare nella memoria tracce della propria importanza storica..."

Home / Ferrovie Regionali / Linee Ferroviarie Dismesse / Puglia

Ferrovie Soppresse in Puglia

Binari e Tratte Abbandonate | Schede tecniche

La linea Manfredonia-Manfredonia Citta' era lunga 0,7 km con scartamento ordinario e non elettrificato. La breve tratta è stata chiusa nel 1989.

La linea Cerignola Campagna-Cerignola Città era il collegamento fra la linea adriatica e Cerignola. Il tracciato era lungo 6,983 km con scartamento ordinario e non elettrificato. La breve tratta fu aperta il 15 settembre 1891 mentre la sospensione del servizio passeggeri avvenne il 1 marzo 1956 e sostituita con delle corriere. La linea, le cui vestigia sono visibili perzialmente attraverso le mappe satellitari, risulta attualmente disarmata. La gestione era affidata a Rete Adriatica fino al 1905 dove poi passò alle Ferrovie dello stato nell'anno della loro costituzione.

La linea Margherita di Savoia Ofantino-Margherita di Savoia era il breve collegamento fra la stazione di Ofantino e Margherita di Savoia. Il tracciato, a binario unico, si sviluppava per 4,247 km con scartamento ordinario. La linea era elettrificata a 3000 V c.c.. E' stata realizzata nel 1884 e poi chiusa all'esercizio nel 1986. La linea era percorsa a spola dalle elettromotrici ALe 792 e ALe 882. La gestione, per un breve periodo in mano alla SAFRE di Reggio Emilia, fu poi ceduta alle FS nel 1907 fino alla fine del servizio passeggeri.

La linea di circa 4,2 chilometri, che va dalla stazione di Margherita di Savoia a quella di Margherita di Savoia-Ofantino, fu attivata nel 1884, come ferrovia diramantesi dalla linea Adriatica Foggia-Bari. L’originaria stazione di Ofantino mutò poi la sua denominazione in Margherita di Savoia-Ofantino.

Scopo del collegamento ferroviario era consentire il trasporto del sale estratto dalle saline di Margherita di Savoia fino alla ferrovia Adriatica, per essere poi da lì trasferito sui treni merci e instradato secondo le varie destinazioni. La linea fu presa in carico dalle Ferrovie dello Stato nel 1907. Con la nuova gestione si ebbe un discreto sviluppo sia del traffico merci sia di quello passeggeri.

La linea ferroviaria rimase attiva fino alla metà degli anni ’80 quando si ebbe la flessione della domanda di trasporto viaggiatori, che portò prima, nel 1986, alla sospensione della linea e poi, nel 1996, alla dismissione definitiva.

L’ex sedime, disarmato, risulta solo parzialmente rinvenibile essendo in molti punti inglobato nei campi coltivati; in parte è stato riutilizzato per la viabilità stradale all’interno dell’abitato di Margherita di Savoia. La proprietà è di FS SpA e in parte del comune di Trinitapoli.

La linea Spinazzola-Spinazzola Citta' era lunga 1,495 km con scartamento ordinario non elettrificata. Collegava le linee Rocchetta-Gioia Del Colle e Barletta-Spinazzola presso la stazione di Spinazzola. E' stata aperta nel 1938 e chiusa nel 1985.

La linea S. Nicola di Melfi-Spinazzola-Gravina in Puglia-Altamura-Goia del Colle era lunga 127,076 km con scartamento ordinario. La linea venne aperta nel ormai lontano 1891 ed è stata chiusa fra il 2011 e il 2016. La tratta Rocchetta S.Antonio Lacedonia-S.Nicola di Melfi è attivo per l'espletamento del servizio merci. La gestione era a cura delle Ferrovie dello Stato.

La linea S. Spirito Lido-S. Spirito Stazione (FSAI)-Bitonto (FSAI) era lunga appena 8,200 km, con scartamento ordinario ed elettrificata a 1350 V c.c.. Venne aperta il 28 ottobre 1928 e chiusa il 21 gennaio 1963 all'indomani di un grave incidente frontale. I gestori furono la SAF Società Anonima Ferroviaria (1928-1937) e successivamente Ferrotranviaria (1937-1963), che poi utilizzò il lungo rettilineo parallelo alla Strada Provinciale 91, per la nuova Ferrovia Bari-Barletta.

Mappa della Ferrovia Bitonto-Santo Spirito Bitonto Stazione Ferrovia Elettrica Bitonto-Santo Spirito

Il raccordo Brindisi-Brindisi Marittima era lungo 1,666 km con scartamento ordinario. E' stato chiuso nel 2006.

La linea Nasisi-Taranto Arsenale era lunga 18,288 km con scartamento ordinario. E' stata chiusa negli anni fra il 1967 e il 1978.

La ferrovia Rocchetta S.Antonio-Lacedonia-Avellino è una linea che si sviluppava per 118,72 km. Venne aperta all'esercizio nel 1892 e completata nel 1895. Si tratta di una linea a scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa nel 2010 ma non ufficalmente soppressa: infatti le tratte Conza-Andretta-Cairano e Rocchetta-S.Antonio-Lacedonia vine percorsa da alcuni treni turistici.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLE LINEE PRESENTI IN QUESTA PAGINA:

Tracciato, Lunghezza, Scartamento, Trazione, Data di Apertura e Chiusura all'esercizio, Immagini, Approfondimenti e collegamento ai siti ufficiali.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

LINEE FERROVIARIE IN ESERCIZIO LINEE FERROVIARIE DISMESSE

PER TUTTE LE SEGNALAZIONI SCRIVI A Treniebinari.it.

RITORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE