"Nell'arco di oltre un secolo e mezzo la Ferrovia ha disegnato il volto dell'Italia e l'identitÓ del suo popolo, pur senza lasciare nella memoria tracce della propria importanza storica..."

Home / Ferrovie Regionali / Linee Ferroviarie Dismesse / Emilia Romagna

Ferrovie Soppresse in Emilia Romagna

Binari e Tratte Abbandonate | Schede tecniche

La linea ferroviaria BAGNOLO IN PIANO - CARPI aveva uno sviluppo di 18,753 km, scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata aperta negli anni 1886-1887 e chiusa all'esercizio nel 1955.

Le societÓ concessionarie sono state, in ordine di tempo, la SAFRE SocietÓ Anonima per le Ferrovie di Reggio Emilia dal 1886 al 1936 e CCFR-Consorzio Cooperativo Ferrovie Reggiane dal 1936 alla chiusura della linea.

La linea ferroviaria BARCO - MONTECCHIO EMILIA ha avuto uno sviluppo di 3,665 km, scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1955.

Le societÓ concessionarie sono state, in ordine di tempo, il CCPL Consorzio Cooperativo di Produzione e Lavoro insieme a FRC-Ferrovia Reggio Ciano dal 1909 al 1936 e infine CCFR-Consorzio Cooperativo Ferrovie Reggiane dal 1936 alla chiusura.

La linea ferroviaria BUDRIO - MASSALOMBARDA ha avuto uno sviluppo di 26,240 km, scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1964.

L'unica concessionaria Ŕ stata la SV SocietÓ Veneta dal 1887 fino alla data di chiusura avvenuta nel 1964.

La Ferrovia Valle del Senio CASTEL BOLOGNESE (FVS) - RIOLO BAGNI aveva un'estensione di 9,321 km, con scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1933.

La concessione Ŕ stata gestita da FVS-Ferrovia Valle del Senio dal 1914 alla chiusura.

La linea ferroviaria CAVEZZO VILLAFRANCA - S. FELICE SUL PANARO (SEFTA) - FINALE EMILIA, con scartamento ordinario e non elettrificata, si sviluppava per 20,128 km. E' stata chiusa all'esercizio nel 1964.

La prima societÓ concessionaria Ŕ stata FSMMF SocietÓ Anonima per la Ferrovia Sassuolo Modena Mirandola e Finale dal 1884 al 1917. Successivamente Ŕ stata la SEFTA-SocietÓ Emiliana Ferrovie Tranvie Automobili dal 1917 all'anno di chiusura della linea.

La linea ferroviaria DECIMA - S.GIOVANNI IN PERSICETO (vecchia) ha avuto uno sviluppo di 8,175 km, scartamento ordinario e non elettrificata.E' stata chiusa all'esercizio nel 1944.

La ferrovia FERRARA - COPPARO ha avuto uno sviluppo di 18,958 km, scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1956.

La concessionaria Ŕ stata la SV-SocietÓ Veneta dal 1903 fino alla chiusura.

La linea ferroviaria MASSALOMBARDA (SAF) - IMOLA (SAF) - FONTANELICE aveva uno sviluppo di 33,676 km, scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1944.

La concessionaria Ŕ stata la SAF Santerno Anonima Ferroviaria dal 1916 fino alla chiusura.

La ferrovia MODENA (SEFTA) - CAVEZZO VILLAFRANCA - MIRANDOLA (SEFTA) si sviluppava per 33,330 km e scartamento ordinario. E' stata chiusa all'esercizio nel 1964.

Le societÓ concessionarie sono state la FSMMF SocietÓ Anonima per la Ferrovia Sassuolo Modena Mirandola e Finale dal 1883 al 1917 e successivamente la SEFTA-SocietÓ Emiliana Ferrovie Tranvie Automobili dal 1917 al 1964.

La Ferrovia MODENA (SEFTA) - SPILAMBERTO - VIGNOLA (SEFTA) ha avuto uno sviluppo di 24,915 km e scartamento ordinario. E' stata chiusa all'esercizio negli anni fra il 1969 e il 1972.

La prima societÓ concessionaria Ŕ stata FMV SocietÓ Anonima per la ferrovia Modena-Vignola dal 1888 al 1917. Successivamente Ŕ subentrata la SEFTA-SocietÓ Emiliana Ferrovie Tranvie Automobili dal 1917 al 1964.

La linea ferroviaria MODENA - CREVALCORE - DECIMA - POROTTO ha avuto uno sviluppo di 59,195 km, scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1956.

La linea ferroviaria OSTELLATO - PORTO GARIBALDI aveva uno sviluppo di 28,047 km, scartamento ridotto di 1000 mm e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1944. Questa linea, per le sue caratteristiche non propriamente "ferroviarie", viene classificata come tranvia.

La Ferrovia PIACENZA BARRIERA ROMA - BETTOLA ha avuto uno sviluppo di 32,752 km, scartamento ordinario ed elettrificata con una tensione di 3 kV c.c. La linea Ŕ stata chiusa all'esercizio nel 1967 e la quasi totalitÓ del materiale rotabile Ŕ stata riutilizzata su altre linee ferroviarie italiane.

La societÓ concessionaria Ŕ stata SIFT SocietÓ Italiana Ferrovie e Tramvie dal 1932 al 1967.

Ricordando la Ferrovia Piacenza-Bettola in immagini

Biglietto SIFT - Ferrovia Piacenza-Bettola

Biglietto SIFT PIacenza 1939 - Immagine WEB

Ferrovia Piacenza-Bettola

Stazione di San Bonico

Ferrovia Piacenza-Bettola

Stazione di Ponte dell'Olio

Ferrovia Piacenza-Bettola

Stazione di Bettola

Ferrovia Piacenza-Bettola

La linea ferroviaria REGGIO SANTA CROCE - BORETTO ha avuto uno sviluppo di 26,067 km con scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1955.

La prima societÓ concessionaria Ŕ stata la SAFRE-SocietÓ Anonima per le Ferrovie di Reggio Emilia dal 1927 al 1936 e successivamente CCFR-Consorzio Cooperativo Ferrovie Reggiane dal 1936 alla chiusura.

La ferrovia RIMINI CENTRALE - NOVAFELTRIA ha avuto uno sviluppo di 33,231 km, scartamento ridotto di 950 mm e non elettrificata. Aveva origine dal piazzale nord della stazione di Rimini.

E' stata chiusa all'esercizio nel 1960. La societÓ concessionaria Ŕ stata FP Ferrovie Padane dal 1916 fino alla chiusura.

La linea ferroviaria SPILAMBERTO - BAZZANO si estendeva per 6,751 km, scartamento ordinario e non elettrificata. E' stata chiusa all'esercizio nel 1944.

Le societÓ concessionarie sono state in ordine di tempo: FMV-SocietÓ Anonima per la ferrovia Modena-Vignola dal 1888 al 1917 e SEFTA-SocietÓ Emiliana Ferrovie Tranvie Automobili dal 1917 fino alla chiusura della linea.

La linea ferroviaria RIMINI STATO - CORIANO - CERASOLO - S.MARINO (RSM Repubblica di San Marino) aveva uno sviluppo di 32,040 km e scartamento ridotto di 950 mm ed elettrificata. Aveva origine dal piazzale sud della stazione di Rimini. E' stata chiusa all'esercizio nel 1944 a seguito dei danni subiti nel secondo conflitto mondiale.

La concessione era stata affidata a SVEFT SocietÓ Veneto-Emiliana Ferrovie e Tranvie dal 1932 all'anno della sospensione del servizio.

E' stata ripristinata una delle elettromotrici azzurre, ricoverate in galleria durante il secondo conflitto mondiale, a scopo turistico. Effettua delle corse sporadiche su un breve tratto di binario appositamente ripristinato.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLE LINEE PRESENTI IN QUESTA PAGINA:

Tracciato, Lunghezza, Scartamento, Trazione, Data di Apertura e Chiusura all'esercizio, Immagini, Approfondimenti e collegamento ai siti ufficiali.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

LINEE FERROVIARIE IN ESERCIZIO LINEE FERROVIARIE DISMESSE

PER TUTTE LE SEGNALAZIONI SCRIVI A Treniebinari.it.

RITORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE